"Valenza Pedagogica" - dal 5 maggio

Al via da lunedì 5 maggio "Valenza Pedagogica"
 Serie di lezioni, incontri, reading, dibattiti aperti a tutto il pubblico
Primo incontro con lo scrittore Giuseppe Culicchia


Prende il via lunedì 5 maggio "Valenza Pedagogica", il contenitore di lezioni, readng e dibattiti, aperti al pubblico, che verranno ospitati nel foyer del Teatro Sociale di Valenza. Si tratta di una serie di incontri con personalità del mondo della letteratura, della didattica, della politica internazionale, della riabilitazione sociale che incontreranno la comunità di Valenza in occasioni di prezioso arricchimento su tematiche di stringente attualità.
Gli appuntamenti, tutti a ingresso libero, rientrano nella programmazione 2014 del Teatro Sociale, curata dalla Cooperativa CMC con la direzione artistica di Roberto Tarasco.
Qui di seguito il calendario dei singoli incontri, che prenderanno il via lunedì 5 maggio con Giuseppe Culicchia, noto scrittore torinese che torna a Valenza  per presentare il volume "Tutti giù per terra remixed".


Lunedì 5 maggio– ore 18.00
Giuseppe Culicchia
“Tutti giù per terra remixed”
ovvero l'Italia dei precari di ieri e di oggi

Pubblicato nel 1994 da Garzanti, “Tutti giù per terra” è stato il primo romanzo italiano a parlare di precari. Una precarietà ormai diventata simbolo di molte generazioni. Culicchia nel 1994 raccontava di giovani in bilico, funamboli che cercano di non cadere da quella fune che è la vita. Walter, protagonista del romanzo, era precario per scelta. “Per non finire come suo padre”. Oggi, questa scelta non l’abbiamo più. Storie di ventenni a distanza di vent’anni. Ma la precarietà non è solo una condizione lavorativa. La precarietà è una condizione esistenziale di chi non trova il suo posto nel mondo. Non solo il posto fisso.
Culicchia con il duo di acrobate torinesi Les Deux SoléFederica Buzzi e Federica Mafucci, presenterà il  libro “Tutti giù per terra remixed” (Mondadori), versione attualizzata del  successo letterario d’esordio (uscito nel 1994 per Garzanti). Un reading-spettacolo in cui si potrà dialogare con l’autore, un’occasione per un confronto con lo scrittore torinese dedicato non solo alle giovani generazioni così diverse eppure così uguali a quelle degli anni ’90.



Martedì 6 maggio  – ore 18.00
Mahmood Sariolghalam con
Vittorio Emanuele Parsi e Riccardo Redaelli
"L'Iran e la nuova presidenza Rohani"
scenari regionali e internazionali
Mahmood Sariolghalam, Professore di Relazioni Internazionali dell'Università Beheshti di Teheran e consigliere per gli Affari Internazionali del Presidente della Repubblica, illustra lo status politico e sociale di un Paese tra i più influenti del Medio Oriente: l’Iran. Con lui Vittorio Emanuele Parsi (docente dell'Università Cattolica del S. Cuore di Milano ed editorialista de Il Sole 24ore e di Avvenire), Riccardo Redaelli (Direttore del Centro di Ricerche sul Sistema Sud e Mediterraneo Allargato e Direttore  scientifico Ce.St.In.Geo.) e, nelle vesti di moderatore, Maurizio Primo Carandini, dirigente scolastico Scuola secondaria 1° grado Giovanni Pascoli di Valenza, ideatore e fondatore di Ce.St.In.Geo.


Giovedì 15 maggio  – ore 18.00
Marco Vacchetti
“Storytelling & Performing Arts”
ovvero la Scuola Holden in breve

Pittore e docente di Letteratura italiana e latina al liceo classico D’Azeglio di Torino, ha diretto il Master in tecniche della narrazione della Scuola Holden dove cura oggi il progetto Mantra. L’incontro costituisce preziosa opportunità di riflessione sul nostro panorama didattico e formativo desueto e non al passo con i tempi. “Certo, il talento non si può insegnare, ma allenare sì. E la creatività può essere liberata. La scrittura si può insegnare perché è un mestiere. Poi, la Scuola ha moltissime altre funzioni: rompere l’isolamento, servire da ascensore sociale. Di sicuro, dopo il Biennio da noi, i nostri ragazzi hanno modo di accedere a un mondo nuovo.” Alessandro Baricco



Venerdì 30 maggio  – ore 18.00
Pietro Buffa
“Laboratorio di convivenza”
Prigioni, amministrare la sofferenza

La nostra società vive un momento difficile. Anche il carcere vive un momento molto difficile. Le difficoltà di gestione derivano dalle caratteristiche dei soggetti detenuti o, piuttosto, dalle caratteristiche proprie della struttura? Ci sono alternative alla attuale situazione di crisi gravissima? A interrogarsi e interrogarci è il provveditore regionale dell’Amministrazione penitenziaria Emilia Romagna e Triveneto, coordinatore di vari progetti e gruppi di studio a livello locale, nazionale e internazionale, già direttore della Casa circondariale di Torino.  Pietro Buffa ci guiderà in un viaggio nel sistema carcerario italiano con le sue intrinseche complicazioni, rigidità e contraddizioni burocratiche, al termine del quale ci proporrà possibili aperture, non solo sull'organizzazione del carcere, ma anche su un diverso modo di pensare la punizione ed in generale tutta la nostra società.


Gli incontri si svolgono nel foyer del teatro e sono ad ingresso libero


Teatro Sociale di Valenza
Corso Giuseppe Garibaldi 58, Valenza

Per informazioni tel.0131.942276
Facebook: Valenza Teatro; E mail: valenzateatro@gmail.com


Direzione artistica Roberto Tarasco

Programmazione Nidodiragno/Coop CMC Angelo Giacobbe
Responsabile tecnico Alberto Comino
Coordinatore Yel Bosco


Nessun commento:

Posta un commento

POST RECENTI